Il Testo Unico per la Sicurezza: un approfondimento sugli “Interpelli”


testo-unico-sicurezza-interpelli

Per sua stessa natura il Testo Unico per la sicurezza racchiude in sè di fatto, contenuti e discipline derivanti da una lunga serie di provvedimenti normativi che si sono avvicendati sul territorio nazionale; dall’esordio delle prime leggi in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro del dopoguerra, che in particolare con il DPR 547/55, ed il DPR 303/56 hanno inizialmente dettato le regole tecniche, fino ad arrivare alla legge 626 del 1994, vera e propria rivoluzione in materia di prevenzione, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Verosimilmente la complessità stessa della materia, l’avvicendarsi di numerosi testi abrogativi, l’evoluzione del panorama tecnico e normativo internazionale, l’insorgenza quasi quotidiana di eventi eterogenei e la pubblicazione di nuove sentenze, hanno dato luogo alla concreta possibilità che possano svilupparsi dubbi e modalità interpretative di alcuni passaggi del testo, così come vere e proprie contraddizioni apparenti, che necessitano di chiarimenti e delucidazioni.

Gli Interpelli

Tale eventualità è stata contemplata fin dall’inizio dal legislatore che ha voluto dare spazio, con l’articolo 12, agli organismi associativi a rilevanza nazionale degli enti territoriali, agli enti pubblici nazionali, alle regioni nonché, di propria iniziativa o su segnalazione dei propri iscritti, alle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori ed i consigli nazionali degli ordini o collegi professionali, di promuovere “interpelli” rivolti a chiarire dubbi di ordine generale sull’applicazione della normativa in materia di salute e sicurezza del lavoro.

A tale scopo è stata istituita una apposita Commissione per gli interpelli rivolta a ricevere, esaminare ed elaborare risposte sulle domande pervenute che abbiano interesse e rilevanza nazionale; la commissione è insediata presso il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali ed è composta da due rappresentanti del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, da due rappresentanti del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali e da quattro rappresentanti delle Regioni e delle Province autonome; nel caso in cui le domande pervenute siano inerenti ad argomenti di competenza di altri enti, i membri ordinari possono far ricorso alla consulenza esterna di altri enti o amministrazioni pubbliche.

Le risposte agli interpelli vengono via via pubblicate sul Testo Unico, nella apposita sezione in calce, e ne costituiscono parte integrante nelle nuove revisioni, diventando di fatto parte della normativa ed in alcuni casi andando a creare i presupposti per modifiche attuative di alcuni articoli di legge.

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali