Hai una impresa edile? Ecco cosa ti occorre per essere in regola con la sicurezza sul lavoro

Per una ditta edile con lavoratori dipendenti la documentazione da avere è la seguente:

Inoltre è necessario verificare se vengono utilizzate anche attrezzature per le lavorazioni, sono quindi previsti dei corsi di formazione specifica come:

Nel caso in cui fosse necessario lavorare su punteggi è obbligatorio avere il PIMUS o come formazione di un proprio addetto o nominare una ditta terza qualificata che possa fare il montaggio e possa certificarlo.

Per i cantieri con apertura superiore ai 2 anni è obbligatoria anche la verifica dell’impianto di messa a terra con cadenza biennale.

Il Datore di lavoro ha l’obbligo di sottoporre i suoi lavoratori alla visita medica periodica con rilascio di idoneità lavorativa, il protocollo applicato per gli addetti edili è il seguente:

  • Esami del Sangue;
  • Audiometria;
  • Spirometria;
  • Elettrocardiogramma;
  • Alcolemia
  • Droga-test per tutti coloro che utilizzano mezzi con patente superiore alla B;
  • Vaccinazione antitetanica se non già fatta;
  • Visita e Rilascio dell’idoneità lavorativa;
  • Audiovestibolare per operai che svolgono lavori superiori a 11 mt.

Nel caso ci fossero delle impiegate in ufficio con contratto full-time e quindi superano le 20 ore al VDT (videoterminale) è obbligatorio sottoporre a visita medica applicando il seguente protocollo:

Se la ditta edile inserisce dei subappaltatori per lavorazioni non di loro competenza vengono considerati a tutti gli effetti dei “dipendenti” e quindi devono anche loro svolgere il corso di formazione del lavoratore e le visite mediche.

 

Hai bisogno di aiuto? Compila il form qui in basso.









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03