Ministero Ambiente, decreto per amianto negli edifici pubblici


amianto-edifici-decretoCon un decreto siglato in data 28 luglio 2016, il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha stanziato fondi per un totale di diciassette milioni e mezzo di euro, ripartiti su tre anni (5.536 milioni di euro per il 2016 e 6.018 milioni per ciascuno degli anni 2017 e 2018), destinati a sostenere gli interventi di individuazione dei siti contaminati da amianto e la successiva bonifica degli edifici pubblici all’interno dei quali dovranno essere effettuate attività di rimozione e smaltimento dell’amianto.

I richiedenti dovranno presentare le domande al Ministero dell’Ambiente, che ne valuterà l’ammissibilità sulla base di criteri di priorità stabiliti in anticipo, che determineranno non solo la possibilità di ricevere le risorse economiche, ma anche la misura della copertura degli interventi che potrà variare tra il 50 ed il 100% delle spese da sostenere.

I criteri di valutazione per l’ammissibilità del finanziamento saranno: la collocazione in un raggio non superiore a 100 metri da asili, scuole, parchi giochi, strutture di accoglienza, ospedali e impianti sportivi, la velocità di esecuzione del progetto (saranno avvantaggiati quelli realizzabili nell’arco di 12 mesi o meno), la precedente esistenza di segnalazioni di presenza di amianto da parte di enti di controllo e l’eventuale collocazione all’interno di un sito di interesse nazionale.

Alcune situazioni, inoltre, sono già state segnalate e mappate all’interno del piano in attuazione della norma del Collegato Ambientale. Anche l’iscrizione nel registro di mappatura costituirà criterio di priorità nell’assegnazione dei fondi.

Ai fini dell’ammissibilità, il progetto dovrà essere corredato da adeguata documentazione tecnica, rilasciata da professionisti certificati, che dimostri la presenza di materiali contenenti amianto, e che definisca nel dettaglio computo metrico i costi da sostenere per le attività di rimozione e smaltimento.

Nell’ambito del finanziamento, un progetto particolare è previsto per le scuole, come definito nel protocollo di intesa siglato alla fine di maggio e finalizzato alla mappatura dell’amianto negli edifici scolastici, in coordinamento tra la Struttura di missione per la riqualificazione dell’edilizia scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero dell’Ambiente. Il progetto prevede l’impego di droni dotati di telecamere ad alta risoluzione, che verranno utilizzati per una mappatura capillare dell’amianto nelle scuole, iniziando dalle province di Alessandria, Pisa e Salerno come studio pilota.

Info: Ministero Ambiente nota su decreto amianto edifici pubblici

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali