Bando agricoltura Regione Emilia Romagna, anche sicurezza lavoro


bando-emilia-romagna-imprese-agricoleIl Psr (Programma di sviluppo Rurale) è uno strumento messo a punto a livello regionale e destinato a sostenere la crescita agroindustriale del territorio, garantendo la tutela ambientale e favorendo lo sviluppo delle singole comunità rurali locali.

Il Psr della regione Emilia Romagna è stato approvato dalla commissione Europea il 26 maggio 2015 e prevede, tra le altre iniziative, l’emissione di bandi rivolti a sostenere l’economia territoriale. In quest’ottica partirà a breve il primo bando che mette a disposizione 23,5 milioni di euro destinati a promuovere l’innovazione nelle imprese agricole, riducendo l’impatto ambientale e garantendo la qualità dei prodotti attraverso un miglioramento dei processi produttivi.

Il bando relativo al sostegno agricolo è stato pubblicato sul Portale della Regione Emilia-Romagna il 17 marzo 2016.

Potranno fare richiesta dei finanziamenti presentando domanda, a partire dal 15 aprile e fino al 15 Luglio 2016, tutte le aziende agricole con sede in Emilia Romagna, sia composte da un singolo individuo che associate in forma di cooperative; i progetti presentati saranno valutati in considerazione di criteri di priorità che attribuiranno punteggi aggiuntivi per gli interventi rivolti a migliorare la sicurezza sul lavoro e ad aumentare l’occupazione, a quelli dedicati all’agricoltura biologica (meglio se integrata a prodotti Dop e Igp) e a quelli con un impatto ambientale ridotto che contribuiranno a favorire la riduzione del consumo del suolo agricolo impiegando fonti di energia rinnovabili.

I contributi sono destinati a finanziare in conto capitale il 50% della spesa ammissibile se i progetti sono presentati da giovani agricoltori (tra i 18 e i 40 anni che si propongono per la prima volta a dirigere un’azienda agricola), in zone di montagna o comunque con particolari vincoli ambientali e del 40% in tutti gli altri casi.

La spesa massima ammissibile viene calcolata in base alla dimensione dell’azienda e consente una suddivisione ampia dei contributi: da un minimo di 20 mila (10 mila per le aziende che operano in zone con vincoli naturali o altri vincoli specifici) fino a un massimo di 3,5 milioni di euro. Ogni azienda dovrà presentare un accurato Piano di Investimento che preveda la realizzazione delle spese entro dodici mesi.

Entreranno a far parte dei progetti finanziabili quelli che prevedono la costruzione o la ristrutturazione di edifici, gli interventi di riqualificazione del terreno, l’acquisto di attrezzature, macchine agricole, impianti destinati alla lavorazione e alla trasformazione dei prodotti, gli investimenti rivolti all’acquisizione di programmi informatici, licenze, brevetti, le spese sostenute per consulenze professionali e quelle rivolte ad avviare progetti di vendita diretta al consumatore dei prodotti agricoli.

Il bando prevede che il contributo venga erogato agli aventi diritto, una volta che saranno stati verificati i requisiti di ammissibilità e che sia stato accertata la fattibilità completa del Piano di Investimenti proposto; sarà invece possibile ottenere un anticipo del 50% del contributo riconosciuto dopo che gli accertamenti avranno avuto esito positivo; la graduatoria finale delle concessioni di sostegno sarà pubblicata entro il 21 novembre 2016.

È prevista una formula innovativa che ripartisce le risorse a disposizione sui diversi settori produttivi come segue: quasi 5,1 milioni per il lattiero-caseario; 4,9 milioni per il cerealicolo, colture industriali, foraggere e le sementi; 2,6 per il comparto avicolo e le uova; 2,3 per le carni suine; 1,4 per il vitivinicolo; più di 960 mila euro per le carni bovine e oltre 550 mila euro per ovi caprini, miele, olio, aceto e vivaismo.

Tuttavia, per garantire una distribuzione efficiente delle risorse è consentito che in caso di residualità disponibili, queste potranno essere ripartite su altri settori ove la richiesta, risultante dall’approvazione delle graduatorie, fosse superiore alla disponibilità per quello specifico settore.

Info: Regione Emilia Romagna bando investimenti in agricoltura

Registrati subito ai corsi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali