Presentata da Inail la Relazione annuale 2016


Presentata in sede di conferenza stampa il 5 luglio 2017 la Relazione annuale INAIL 2016, relativa all’andamento degli infortuni, alle denunce di malattie professionali, ai dati economici ed alle iniziative svolte in sostegno delle industrie e dei cittadini nel 2016.

Il dato riguardante il numero di infortuni sul lavoro e di malattie professionali denunciati nel coso del 2016, indica che gli infortuni sono pressoché allineati con quelli del 2015 (+0,66%) per un totale di 642 mila denunce, l’andamento rispetto al 2012 è comunque in calo del 14%.

In flessione invece del 12,7% il dato relativo agli infortuni mortali rispetto al 2015, che passano dai 1.286 casi ai 1.104 del 2016; anche in questo caso l’andamento rispetto al 2012 indica una significativa e progressiva diminuzione dei casi (25% in meno rispetto ai 1.364 del 2012).

Come nel 2015 si conferma invece in aumento il dato relativo alle denunce di malattie professionali, 60 mila casi nel 2016, il 30% in più rispetto al 2012 e 1.300 in più del 2015. Il 64% delle malattie denunciate riguarda patologie osteo muscolari, seguite da quelle a carico del sistema nervoso, dai tumori e dalle malattie di tipo respiratorio.

Le morti accertate nel 2016 di persone che hanno contratto patologie sul lavoro risultano 1.297, di cui 357 per malattie correlate ad amianto.

Aperte nel 2016, 3 milioni e 760 mila posizioni assicurative in favore di soggetti invalidi o con inabilità di tipo permanente, 17 mila di nuova costituzione, dato sostanzialmente in linea con quello dell’anno precedente.

Per quanto riguarda la vigilanza nel 2016 sono state ispezionate 20.876 aziende dai 324 addetti alla vigilanza dell’INAIL, in 87,6 casi su 100 sono state rilevate non conformità che hanno portato a regolarizzare le posizioni di 57.790 lavoratori, il 10% circa costituivano la quota dei “lavoratori in nero”. Confermate e consolidate le azioni intraprese nei confronti del fenomeno del caporalato, in collaborazione con le organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali ed in sinergia con il Ministero del Lavoro, l’INAIL e l’INPS.

Relativamente alle attività di sostegno economico nei confronti delle aziende che hanno promosso iniziative e progetti rivolti ad accrescere la tutela dei lavoratori, anche nel 2016 sono state confermate le coperture garantite dal bando ISI per circa 245 milioni di euro, ed è stato avviato il nuovo bando ISI agricoltura rivolto alle micro e piccole imprese agricole ed ai lavoratori in giovane età.

Sono state approvate circa 27 mila richieste di riduzione dei tassi tariffari per le aziende più virtuose in ambito sicurezza e sono state disposte riduzioni del 7,6% dell’importo del premio per le imprese artigiane che non hanno denunciato infortuni nel biennio 2014-2015.

Info: dati e comunicato Relazione Inail 2016

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali