Piano Regione Toscana per la sicurezza sul lavoro


piano-strategico-regione-toscanaLa delibera recentemente approvata dalla giunta regionale Toscana ha definito definisce il Piano strategico regionale 2016-2020 per la sicurezza sul lavoro, piano che copre un arco temporale di cinque anni e che si articola su alcuni punti tematici salienti.

  • La Vigilanza, che deve essere programmata e tenere conto delle segnalazioni, anche se anonime, dei lavoratori e che sarà rafforzata significativamente sul territorio regionale.
  • La trasparenza e le misure anticorruzione, attraverso la definizione e la comunicazione delle misure rivolte a prevenire episodi di corruzione.
  • L’assistenza e l’informazione, che andrà sviluppata in collaborazione con le associazioni di categoria, ed avrà l’obiettivo di diffondere le informative relative alle buone pratiche di lavoro nelle aziende.

Le azioni regionali per la sicurezza del lavoro mirano a favorire le sinergie tra gli enti pubblici e le imprese con la finalità di promuovere interventi rivolti a garantire maggiori condizioni di sicurezza del lavoro rispetto a quelle minime previste dalla legge, anche eventualmente mediante l’individuazione dei fondi necessari a sostenerli.

Le sinergie con altri enti, quali le parti sociali, gli organismi paritetici, le rappresentanze dei lavoratori territoriali, i comitati per la lotta al lavoro sommerso, con l’obiettivo di sviluppare una efficace azione di intelligence finalizzata all’emersione di attività lavorative sommerse.

La formazione, che dai dati infortunistici spesso emerge come intesa esclusivamente a voler soddisfare un adeguamento normativo o ad acquisire norme e nozioni, più che finalizzata al cambiamento di comportamenti inadeguati; occorrerà quindi promuovere una formazione più pratica che utilizzi strumenti di apprendimento interattivi ed efficaci, calibrati sulle realtà delle imprese e delle figure che in esse si adoperano per promuovere la cultura della sicurezza.

Per quanto riguarda la comunicazione, si è stabilito di promuovere una iniziativa che dall’autunno 2016 sensibilizzerà i lavoratori attraverso piani locali per specifici temi (agricoltura, porti, edilizia, cave e abbigliamento) sui rischi connessi alla loro attività con l’obiettivo di trasferire nozioni pratiche e di educare gli addetti per ogni settore ad una più consapevole cultura del rischio di esposizione ad agenti specifici.

Viene quindi definito il ruolo chiave del CeRIMP (Centro Regionale Infortuni Malattie Professionali), quale ente di raccordo con altri enti coinvolti negli aspetti della sicurezza sul lavoro e osservatorio territoriale per l’acquisizione dei dati sulla salute dei lavoratori.

Stanziati per lo sviluppo del piano fondi per un totale di circa otto milioni di euro, ripartiti sulle cinque annualità e che saranno reperiti dalle sanzioni erogate dalle Aziende USL nel corso delle attività ispettive.

Info: Regione Toscana piano sicurezza lavoro 2016-2020

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali