Pubblicato il nuovo regolamento di organizzazione del Ministero del Lavoro


Nuovo Regolamento Ministero del Lavoro

Lo scorso 17 febbraio è stato presentato dal Consiglio dei Ministri il nuovo Regolamento di organizzazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, le novità introdotte dal nuovo provvedimento pubblicato in Gazzetta Ufficiale 103 del maggio 2017, sono entrate in vigore il 20 maggio 2017 e sostituiscono le misure contenute nel precedente regolamento nr 121 del 14 febbraio 2014.

Il riassetto prevede che il Ministero sia organizzato come di seguito:

  1. un Segretariato generale;
  2. otto direzioni generali;
  3. un posto di funzionario dirigenziale di livello generale per i compiti di responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza;
  4. due posti funzione dirigenziale di livello generale;
  5. cinquanta posti funzione di livello dirigenziale non generale di cui sette incardinati presso gli uffici di diretta collaborazione all’opera del Ministro del lavoro, sei presso il Segretariato generale e trentasette presso le direzioni generali.

Il segretario Generale risponde direttamente al Ministro ed ha il ruolo di coordinare le attività delle diverse direzioni con l’obiettivo di finalizzare l’azione delle direttive Ministeriali e di vigilare sull’efficacia delle misure intraprese.

Le otto direzioni generali, supervisionate dal Segretario Generale, operano nell’ambito dei seguenti settori:

  • Direzione generale per le politiche del personale, l’innovazione organizzativa, il bilancio – Ufficio procedimenti disciplinari.
  • Direzione generale dei sistemi informativi, dell’innovazione tecnologica, del monitoraggio dati e della comunicazione.
  • Direzione generale dei rapporti di lavoro e delle relazioni industriali.
  • Direzione generale degli ammortizzatori sociali e della formazione.
  • Direzione generale per le politiche previdenziali.
  • Direzione generale per l’inclusione e le politiche sociali.
  • Direzione generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione.
  • Direzione generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese.

Il personale previsto per le direzioni generali, sarà sia di fascia dirigenziale che non dirigenziale, con una suddivisione che prevede l’impiego di un totale complessivo di 119 operatori, dei quali circa 60 dirigenti.

È prevista una verifica ogni due anni, rivolta ad accertare l’efficienza e la funzionalità del nuovo assetto organizzativo e delle funzioni in capo alle otto direzioni generali.

Info: nuovo regolamento riorganizzazione del Ministero del Lavoro 

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali