Dall’Unione Europea nuove regole per il Rischio Chimico.


In arrivo dalla Comunità Europea nuove norme relative alla valutazione del rischio chimico e in particolar modo alla gestione di prodotti ritenuti a rischio in quanto altamente tossici e pericolosi per la salute dell’uomo ma anche per l’ambiente circostante. Le norme riguardano nello specifico le metodologie da seguire per classificare ed etichettare le sostanze chimiche. Un passo avanti compiuto anche in nome di una maggiore protezione degli animali dagli esperimenti chimici, questo regolamento infatti vieterà l’uso di determinati prodotti sulla cavie.

Il regolamento Clp (Classification, labelling and packaging) entrerà in vigore solo dal 1 giugno 2015abrogando così due direttive la Direttiva sulle sostanze pericolose 67/548/Cee e la Direttiva sui preparati pericolosi 1999/45/ce. Questo regolamento permette l’applicazione del Sistema mondiale Ghs (Globally harmonised system) sviluppato dall’Onu e riduce il rischio chimico per molteplici situazioni. Obiettivo di questo regolamento è quello di riclassificare le sostanze chimiche al fine di determinare quali risultano essere dannosi per l’uomo, gli animali e l’ambiente.

Uno degli esempi delle novità della nuova etichettatura riguarda un simbolo che tutti conoscono, il quadrato arancione con all’interno il simbolo del pericolo in nero verrà sostituito da un rombo con bordo rosso all’interno del quale sarà sempre presente il simbolo nero ma su sfondo bianco. Cambia anche lo stesso simbolo di pericolo che verrà rappresentato da una persona danneggiata, il soggetto umano servirà ad identificare i prodotti tossici per la salute delle persone mentre per le sostanze irritanti sarà presente un punto esclamativo che sostituirà la croce di Sant’Andrea.

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali