Cina: utilizzo di formaldeide riapre il dibattito sulla sicurezza alimentare


In Cina, gli organi di vigilanza sulla sicurezza alimentare, hanno riscontrato la presenza di formaldeide in soluzioni acquose utilizzate per conservare e refrigerare i cavoli. La scelta degli agricoltori cinesi di utilizzare questa sostanza è dovuta al cospicuo prezzo delle celle frigorifere per il trasporto dei prodotti. Le Autorità cinesi, nel 2008, proibirono tale procedura, ma purtroppo questa appare ancora in uso.
La formaldeide presenta proprietà cancerogene ed effetti nocivi di vario genere sia se assunto per via aeriforme sia se ingerito.

In Europa la formaldeide è stata vietata come additivo alimentare (una volta definito con E240) e come fitosanitario (assente nella lista delle sostanze autorizzate). È attualmente in corso il dibattito sull’aspartame, il dolcificante che, generando fenilalanina, acido aspartico e metanolo, determinerebbe una produzione di formaldeide.
L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (AIRC) considera la formaldeide all’interno del gruppo 1 dei cancerogeni per l’uomo (il livello più rischioso), se inalata.

Nell’ambito di studi di laboratorio dell’Environmental Protection Agency USA (EPA), sono stati riscontrati tumori al naso in ratti e topi esposti per 2 anni a 6 e 15 ppm di formaldeide, pari a 7,5 e 18,7 mg/metro cubo di aria.
Al momento, è consentito l’utilizzo della formaldeide quale monomero e additivo in materie plastiche a contatto con alimenti (Direttiva 2002/72/CE della Commissione del 6 agosto 2002) e come conservante nei cosmetici, con concentrazioni molto basse.

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali