Raccolta e smaltimento articoli pirotecnici, decreto in GU


prodotti-pirotecniciÈ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 137, del 14 giugno 2016 il Regolamento recante l’individuazione delle modalità di raccolta, di smaltimento e di distruzione dei prodotti esplodenti, compresi quelli scaduti, e dei rifiuti prodotti dall’accensione di pirotecnici di qualsiasi specie, ivi compresi quelli per le esigenze di soccorso, ai sensi dell’articolo 34 del decreto legislativo 29 luglio 2015, n. 123, che è entrato in vigore il giorno stesso della pubblicazione e che disciplina le modalità di raccolta, smaltimento, distruzione di questi prodotti.

Sono esclusi dal campo di applicazione del provvedimento gli articoli pirotecnici destinati a essere utilizzati dalle Forze armate, dalle Forze di polizia e dai Vigili del fuoco; gli articoli pirotecnici da impiegarsi nell’industria aeronautica e spaziale; le capsule a percussione da utilizzarsi specificatamente nei giocattoli che rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs 11 aprile 2011, n. 54; gli esplosivi che rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs 2 gennaio 1997, n. 7 e le munizioni. Per quanto riguarda i residui inerti che si generano dopo l’utilizzo dei fuochi d’artificio si continua ad applicare la normativa dei rifiuti urbani ai sensi del D.Lgs 152/2006.

L’articolo 2 del provvedimento elenca le definizioni più ricorrenti: “articolo pirotecnico per esigenze di soccorso”, “utilizzatore” , “rifiuti pirotecnici” e “residui inerti”. Negli articoli 3, 4 e 5 si definiscono rispettivamente gli obblighi degli utilizzatori, dei distributori e dei fabbricanti/importatori. In particolare, i primi hanno l’obbligo di restituzione degli articoli scaduti o in disuso e di conferire per lo smaltimento i residui in appositi contenitori messi a disposizione dal distributore presso il punto vendita.

Quest’ultimo ritira gratuitamente gli articoli in disuso, dando al servizio opportuna comunicazione e visibilità e predisponendo i contenitori conformi alla normativa per il conferimento dei residui. Il fabbricante e/o l’importatore invece ha l’obbligo di farsi carico del servizio di ritiro e trasporto dei residui presso impianto autorizzato.

L’articolo 6 disciplina le modalità di conservazione temporanea dei residui presso il distributore e quelle di prelievo da parte del fabbricante. Vengono definite le caratteristiche dei contenitori che devono essere protetti dalle intemperie, garantire la tutela dell’ambiente e non essere facilmente accessibili. Il prelievo deve avvenire almeno una volta ogni tre mesi o in alternativa quando si raggiungono 10 Kg di materiale (comunque almeno una volta all’anno); il deposito dei prodotti nei contenitori deve essere registrato da parte del distributore compilando il modulo allegato in calce al decreto.

L’articolo 7 definisce le modalità per il trasporto, che deve avvenire nel rispetto delle leggi vigenti sul trasporto delle merci pericolose e conformemente a quanto definito all’interno del D.Lgs 152/2006 articoli 193 e 212 e stabilisce i criteri per lo smaltimento mediante termodistruzione ai sensi dell’articolo 208 del precedente decreto.

L’articolo 8 definisce le disposizioni particolari per alcune tipologie specifiche di articoli, quali per esempio quelli utilizzati sui natanti e su autoveicoli.

Gli articoli 9 e 10 definiscono infine rispettivamente le disposizioni finanziarie e l’entrata in vigore.

In calce al provvedimento c’è poi l’allegato grafico consistente nel “Modulo di annotazione degli articoli pirotecnici e dei rifiuti da pirotecnici raggruppati presso il deposito preliminare” da compilare e conservare a cura del distributore al momento della ricezione di un residuo.

Info: decreto 12 maggio 2016 n.101 GU n.137 del 14 giugno 2016

 


numero di telefono 069968849
069968846

Contattaci

Compila il modulo sottostante per avere ulteriori informazioni.

logo Tutto626 colore bianco









Leggi l'informativa sulla privacy: Informativa ai sensi art. 13 D. Lgs. 196/03
Acconsento al trattamento dei dati personali